Vai al contenuto
Home » Risarcimento Volo » Downgrading o declassamento e altri disagi

Downgrading o declassamento e altri disagi

Gli inconvenienti nei viaggi aerei sono molteplici e possono causare disagi ai passeggeri. Alcuni casi di richiesta di rimborso possono riguardare, ad esempio, persone con disabilità o mobilità ridotta che richiedono l’accessibilità dei voli e dei servizi a terra.

Inoltre, in caso di downgrading o declassamento e altri disagi, il team legale di sosviaggiatore.it può aiutare i passeggeri a ottenere il rimborso dovuto. Tra i disagi più frequenti ci sono le cancellazioni dei voli, i ritardi e i problemi legati al trasporto dei bagagli. Tuttavia, esistono anche altri scenari in cui i passeggeri possono ottenere un risarcimento dalle compagnie aeree.

Per esempio, quando il passeggero viene sistemato in una classe inferiore rispetto a quella prenotata, la normativa europea sul trasporto aereo prevede il diritto ad un rimborso prestabilito. In questo caso, la compagnia aerea è obbligata a rimborsare il passeggero entro sette giorni, in percentuali variabili a seconda della tratta aerea.

I passeggeri che si trovano in questa situazione hanno una base normativa solida sulla quale fondare le proprie richieste risarcitorie. Il team di Sos Viaggiatore è in grado di assistere i passeggeri in questi contesti e di ottenere l’indennizzo dovuto dalle compagnie aeree.

Tutto quello che devi sapere sul downgrading sui voli aerei

Il downgrading sui voli aerei può essere un evento spiacevole per i passeggeri, ma è importante sapere che esiste una normativa europea che tutela i loro diritti. In caso di sistemazione in una classe inferiore rispetto a quella prenotata, la compagnia aerea è tenuta a rimborsare una percentuale del prezzo del biglietto entro sette giorni.

Questo rimborso varia in base alla lunghezza della tratta:

  • il 30% per le tratte inferiori a 1500 km,
  • il 50% per quelle comprese tra 1500 e 3500 km,
  • il 75% per quelle superiori a 3500 km.

È importante quindi che i passeggeri conoscano questi diritti e siano pronti a farli valere in caso di downgrading. In ogni caso, il downgrading non dovrebbe essere un motivo di preoccupazione per i viaggiatori, in quanto la normativa europea garantisce loro una base solida e incontestabile per richiedere un adeguato rimborso.

I diritti dei passeggeri in caso di declassamento: una guida pratica

Il declassamento rappresenta una situazione spiacevole per i passeggeri aerei, ma è importante sapere che esistono normative a loro tutela in questi casi. La legge europea stabilisce che, in caso di downgrading, il passeggero ha diritto ad un rimborso prestabilito da parte della compagnia aerea entro sette giorni dalla data del volo.

Il rimborso varia in base alla distanza percorsa, ma può arrivare fino al 75% del prezzo del biglietto. È fondamentale sapere che tutti i passeggeri hanno una base normativa solida per far valere i propri diritti. Pertanto, se ci si trova in questa spiacevole situazione, è importante conoscere i propri diritti e pretendere il risarcimento previsto dalla legge.

Passeggeri aerei: conoscete i vostri diritti in caso di declassamento

Se sei un passeggero aereo, è importante sapere che hai dei diritti garantiti in caso di declassamento. La normativa europea stabilisce che se vieni sistemato in una classe inferiore rispetto a quella che hai prenotato, hai diritto ad un rimborso prestabilito dalla compagnia aerea. In questo modo, non sei costretto a viaggiare in una classe inferiore a quella che hai pagato e puoi richiedere il rimborso della differenza di prezzo. In particolare, il rimborso varia dal 30% al 75% del prezzo del biglietto a seconda della lunghezza della tratta. È importante conoscere questi diritti per poterli fare valere in caso di necessità.

Come richiedere il rimborso per il declassamento sui voli aerei

Se hai acquistato un biglietto di volo per viaggiare in Business Class, ma invece sei stato sistemato in una classe inferiore, la compagnia aerea dovrà darti un rimborso entro 7 giorni. Il rimborso dipende da alcuni parametri che ti permetteranno di calcolare la somma a cui hai diritto.

Il rimborso sarà del 30% del prezzo del biglietto se il volo è stato pari o inferiore a 1500 km. Se invece il volo è stato intracomunitario e superiore a 1500 km, tranne i collegamenti tra il territorio europeo degli Stati membri e i dipartimenti francesi d’oltremare, e se la tratta era compresa tra 1500 e 3500 km, avrai diritto al 50% del prezzo del biglietto. Infine, se il volo non rientra nei casi precedenti, inclusi i collegamenti fra il territorio europeo degli Stati membri e i dipartimenti francesi d’oltremare, il rimborso sarà del 75% del prezzo del biglietto.

Se hai bisogno di aiuto per richiedere il rimborso, non preoccuparti, siamo qui per te! Il nostro team di professionisti ti guiderà passo dopo passo per ottenere il risarcimento del danno per downgrading che ti spetta. Non ti preoccupare, non ti chiederemo nemmeno un centesimo. Tutto ciò che devi fare è compilare il modulo scrivendo altro su problematica sottostante e affidarti interamente a noi. Ogni giorno gestiamo casi come il tuo, quindi siamo pronti ad aiutarti. Puoi rapidamente compilare il seguente Form Online:

Condivi L'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parlano di noi

TERMINI E CONDIZIONI

Copyright © 2023 | Sos Viaggiatore |
Tutti i contenuti del portale sosviaggiatore.it
sono di proprietà della SOS RIMBORSO SRL
P.Iva 16689611008 Cap. Soc. € 10.000,00 i.v.