Vai al contenuto

Negato Imbarco

Compila il modulo e richiedi il Rimborso

Come funziona

Compila la richiesta con le informazioni richieste nel FORM e Ti ricontatteremo per comunicarti se hai diritto al risarcimento.

Ci pensiamo Noi!

Nel caso in cui risulti possibile ottenere un rimborso/risarcimento, Sos Viaggiatore gestirà la Tua vertenza in modo gratuito. Dovrai solo inviarci tutta la documentazione necessaria.

E poi?

sosviaggiatore.it invierà, per Tuo conto, un richiesta di risoluzione bonaria della vertenza. In caso di esito negativo della richiesta, se vorrai, verrà instaurato un giudizio davanti al Giudice di Pace competente. Sarai, in ogni caso, informato costantemente dello stato del procedimento.

Incassa il Tuo rimborso

Definita la controversia con la compagnia aerea responsabile, riceverai la somma a Te dovuta.

Con Sos Viaggiatore, non devi preoccuparti di nulla! Una volta che ci hai affidato la tua pratica, non dovrai fare altro che sederti e rilassarti. Il nostro team esperto gestirà tutto il processo per te, gratuitamente.

Puoi monitorare lo stato della tua pratica direttamente sul nostro sito web, dove potrai trovare tutte le informazioni che ti servono.

Non devi preoccuparti di nulla, solo attendere il tuo risarcimento. Scegli Sos Viaggiatore per un’esperienza di viaggio senza stress e senza problemi!

Overbooking o Negato Imbarco

Se la compagnia aerea ti ha negato l’imbarco devi sapere che puoi chiedere un rimborso. L’overbooking o il negato imbarco si verifica quando una compagnia aerea vende più biglietti rispetto a quelli disponibili sull’aeromobile e quindi la compagnia aerea non permette al passeggero di salire sull’aeromobile nonostante lo stesso abbia acquistato un regolare biglietto.

Il negato imbarco avviene generalmente al momento della partenza quando, a seguito della chiusura delle porte, la compagnia aerea si accorge di aver venduto più biglietti rispetto a quanti posti sono effettivamente disponibili. In queste circostanze, i passeggeri che hanno acquistato il biglietto possono essere rifiutati all’imbarco e, nella maggior parte dei casi, rimangono bloccati nell’aeroporto.

Ma perché avviene il negato imbarco?

Le compagnie aeree effettuano il negato imbarco per diverse ragioni:

  1. in primo luogo, è un modo di assicurarsi che il volo rimanga in sicurezza ed efficiente, limitando così i rischi;
  2. inoltre, può essere una misura efficace per contenere i costi e mantenere bassi i prezzi dei biglietti;
  3. infine, alcune compagnie aeree scelgono di negare l’imbarco come strumento di controllo della sovrappopolazione degli aeromobili o per evitare problemi con il personale limitato.

Le procedure di rimborso previste dall’Enac

L’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) dispone di una serie di procedure dedicate al rimborso in caso di negato imbarco.

  1. Nel caso in cui un volo sia stato cancellato o il passeggero non possa imbarcarsi, egli avrà diritto a ottenere il rimborso totale del prezzo del biglietto oppure la possibilità di effettuare un altro volo previsto dalla stessa Compagnia Aerea.
  2. Se l’alternativa al normale volo previsto è troppo costosa rispetto al prezzo pagato, sarà dovuta all’utente solo la differenza. In tutti i casi le richieste devono essere presentate entro 7 giorni e devono essere sottoscritte da tutti i passeggeri interessati a ricevere un rimborso. L’Enac si impegna a fornire assistenza, informazioni e orientamenti in materia alle persone che ne facciano richiesta.

I servizi di assistenza forniti dall’Enac

L’Enac è l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, che si occupa della sicurezza nei trasporti aerei. Offre ai passeggeri servizi di assistenza e consulenza in caso di:

  1. negato imbarco;
  2. ritardo del volo;
  3. cancellazione del volo;
  4. smarrimento bagaglio;
  5. danneggiamento bagaglio;
  6. incidenza sull’imbarco.

Inoltre, l’ENAC garantisce la tutela della salute e del benessere degli utenti attraverso un gruppo di esperti specializzati in assistenza sanitaria durante il viaggio. L’Ente fornisce anche supporto legale ed informativo in caso di controversie con le compagnie aeree.

I servizi offerti dall’ENAC sono gratuitamente fruibili da tutti i cittadini italiani ed europei che abbiano acquistato un biglietto aereo per un volo internazionale o domestico. Inoltre, i clienti possono presentare reclami e richiedere assistenze specifiche grazie al servizio di ricevimento del pubblico attivo presso la sede centrale dell’ente situata a Roma-Fiumicino.

La tutela legale dei passeggeri in caso di negato imbarco

L’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) si impegna a tutelare i diritti dei passeggeri in caso di negato imbarco. Essa garantisce, infatti, che i voli siano operati con mezzi idonei e che le tariffe siano conformi alle normative vigenti. In caso di negato imbarco, l’Enac interviene per proteggere i diritti del viaggiatore e individuare le possibili soluzioni per rimediare al danno arrecato.

I passeggeri hanno il diritto di essere rimborsati della parte non goduta del servizio o essere trasportati alla destinazione finale con un altro vettore; inoltre, in presenza di un volo cancellato o ritardato la compagnia aerea può anche fornire assistenza materiale come vitto, alloggio e trasporto, oltre a eventualmente offrire la possibilità di invocare un risarcimento economico. L’Enac è pronta ad intervenire nell’interesse della tutela legale della certezza della normativa anche contro abusivismi da parte degli operatori del settore.

Che cos’è il Regolamento Europeo 261/2004

Il Regolamento Europeo 261/2004 è una legge che stabilisce le norme di tutela dei diritti dei passeggeri aerei in caso di cancellazione, overbooking, negato imbarco, ritardo e altro. La legge entra in vigore nel 2005 e consente ai passeggeri di richiedere risarcimento alle compagnie aeree per eventi imprevisti.

Inoltre, il regolamento garantisce rimborsi, compensazioni finanziarie e assistenza gratuita in caso di volo cancellato o negato imbarco. Il risarcimento può essere richiesto fino a tre anni dopo la data del volo originale. Questa legge offre un’importante tutela a chiunque viaggia nel territorio europeo e contribuisce alla sicurezza dell’aviazione civile.

Come si applica il regolamento all’imbarco negato

Il regolamento europeo 261/2004 fornisce una tutela ai viaggiatori che hanno subito un imbarco negato da qualsiasi vettore aereo. Questa protezione garantisce loro un risarcimento e riparazioni, come previsto dal regolamento stesso. Secondo le disposizioni in materia, i passeggeri che si sono visti negare l’imbarco devono essere adeguatamente informati della ragione del rifiuto e della possibilità di ottenere il rimborso o alcune altre forme di risarcimento.

Devono anche ricevere assistenza per minimizzare i disagi causati dall’imbarco negato. Inoltre, se si verificano ritardi nell’ottenimento del rimborso o delle riparazioni previste dalla legge, possono presentare reclami alle autorità competenti per chiedere il rispetto della tutela offerta dal Regolamento.

Diritti del passeggero in caso di imbarco negato

Il Regolamento Europeo n. 261/2004, noto anche come Regolamento sui Diritti dei Passeggeri dell’Unione Europea, fornisce un quadro di garanzia per tutti i viaggiatori in volo internazionale che partono da un aeroporto situato nella Comunità Europea o all’interno di essa.

I principali diritti delle persone in caso di imbarco negato si riferiscono all’assistenza, al rimborso del biglietto e a risarcimenti finanziari aggiuntivi.

In primo luogo, le compagnie aeree sono obbligate a fornire assistenza a tutti i passeggeri bloccati nel caso in cui il proprio volo venga cancellato o ritardato.

L’assistenza dovrebbe includere:

  • pasti e bevande
  • albergo gratuito, quando necessario;
  • trasporto dei passeggeri verso la loro destinazione finale;
  • compensazione monetaria entro in base alla distanza della rotta intrapresa;
  • restituzione del prezzo intero del biglietto;
  • proposta di un altro volo per la medesima destinazione senza spese aggiuntive;
  • su richiesta del passeggero, corrispondere un risarcimento finanziario aggiuntivo fino a mille euro per i voli con distanza superiore ai 3500 km.

Servizio Gratuito

Il viaggiatore, inoltre, in questi casi, ha altresì la possibilità di richiedere il risarcimento del maggior danno subìto. Nel caso in cui i vostri diritti non vengano riconosciuti, non esitate a contattare Sos Viaggiatore: Ci teniamo a sottolineare che il servizio è  gratuito.

Solo a conclusione della pratica, e unicamente nel caso di esito positivo, verrà applicata una tariffa di successo del 30%. In altre parole, solo se riusciamo a ottenere un rimborso o un risarcimento per voi, tratterremo il 30% dell’importo come compenso per il nostro servizio.

In caso contrario, non dovrete corrispondere alcunché alla nostra società. Questo è il nostro impegno verso voi: nessun costo in anticipo, nessun rischio finanziario. Solo il nostro duro lavoro per ottenere il giusto risarcimento per voi.

Visita il nostro sito e la nostra pagina Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività. 

Un nostro operatore sarà a vostra completa disposizione per offrirvi assistenza del tutto gratuita e per fornire una pronta soluzione al vostro problema.

Hanno parlato di noi

Copyright © 2023 | Sos Viaggiatore |
Tutti i contenuti del portale sosviaggiatore.it
sono di proprietà della SOS RIMBORSO SRL
P.Iva 16689611008 Cap. Soc. € 10.000,00 i.v.

Apri chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?