Vai al contenuto
Home » Vacanza Rovinata » Rimborso Hotel, come richiederlo

Rimborso Hotel, come richiederlo

Avevi pianificato le vacanze con mesi di anticipo, desideroso di goderti qualche giorno di riposo, ma l’hotel dei tuoi sogni si è rivelato un completo disastro? Hai trovato disservizi e altre incongruenze nella stanza d’albergo, rispetto a quanto promesso al momento della prenotazione? Pensi che la struttura ricettiva ti abbia ingannato, oppure che il servizio non sia stato all’altezza del costo corrisposto? Non ti preoccupare, perché puoi sempre richiedere il rimborso dell’hotel.

Ovviamente puoi anche lasciare una recensione negativa, per condividere con gli altri la tua insoddisfazione, tuttavia se sei sicuro di aver subito un vero e proprio torto puoi recuperare una parte dei soldi spesi. Si tratta di un’operazione prevista dal codice del turismo, un documento ufficiale che regola i servizi turistici, il quale mostra chiaramente quando è possibile chiedere il risarcimento del soggiorno.

rimborso hotel come fare
rimborso hotel come fare

Vediamo nel dettaglio come fare per ottenere il rimborso dell’hotel, quale procedura bisogna seguire, a chi rivolgersi per la domanda e quali sono i casi considerati validi dalla legge. Scoprirai che i consumatori sono piuttosto tutelati, ma è fondamentale sapere come muoversi, seguendo passo a passo le indicazioni fornite dalle normative.

Leggi anche: Cosa fare in caso di vacanza rovinata

Come ottenere il rimborso dell’hotel

Il modo migliore per richiedere il rimborso, parziale o integrale, del costo dell’hotel è tramite l’invio di un modulo di reclamo, dove inserire i propri dati personali, quelli di eventuali ospiti, gli estremi della prenotazione e infine le condizioni ritenute non idonee rispetto a quanto promesso. È possibile procedere per diverse motivazioni, tra cui uno standard qualitativo della camera o della struttura non adeguato, la falsità della descrizione presentata dall’albergo oppure la presenza di disservizi di vario genere.

Quest’ultimi però devono aver causato un danno immateriale o materiale, che abbia comportato la perdita del soggiorno pianificato o del relax atteso dalle proprie vacanze. Se hai effettuato la prenotazione soltanto presso l’hotel, allora devi mandare la richiesta esclusivamente alla struttura alberghiera, altrimenti la devi inviare anche al sito internet, al portale di ricerca di hotel online o all’agenzia di viaggi che ha fatto da tramite, assumendosi una parte della responsabilità in merito all’hotel proposto.

Per quanto riguarda le tempistiche è fondamentale muoversi velocemente poiché, seppur non siano specificati limiti temporali precisi nel codice del turismo, eventuali ritardi nella presentazione della richiesta potrebbero comportare una diminuzione del risarcimento. Di norma è consigliabile mandare la domanda entro al massimo 10 giorni dalla data del soggiorno, tuttavia prima la invierai meglio sarà, soprattutto se vuoi ottenere un rimborso totale dell’hotel.

Al contrario dopo 12 mesi l’episodio cade in prescrizione, di fatto inficiando ogni possibile richiesta di risarcimento. Fanno eccezione i danni diretti alle persone, causati per esempio da un problema tecnico della struttura, per cui nella maggior parte dei casi il periodo massimo viene esteso fino a 36 mesi. Per valere in una richiesta di rimborso i disservizi devono essere documentati, quindi hai bisogno di procurarti delle prove concrete del danno, come foto, video o dei testimoni.

rimborso hotel
rimborso hotel

Vanno tenute perciò tutte le ricevute, le email e i messaggi inviati dalla struttura o dal sito web di prenotazione, le descrizioni della sistemazione, la localizzazione indicata e i servizi offerti al momento dell’acquisto. In questo modo, se dovessi riscontrare delle incongruenze all’arrivo, potrai chiedere uno sconto direttamente ai responsabili dell’hotel, oppure mandare una richiesta di rimborso una volta tornato a casa, consapevole di avere buone chance di riuscire ad ottenere un risarcimento.

Cosa fare in caso di rifiuto di rimborso dell’albergo

Una volta inoltrata la richiesta di risarcimento alla struttura ricettiva, al sito online o al tour operator, quest’ultimi potrebbero rifiutarsi di corrispondere il rimborso, oppure proporre una cifra ritenuta eccessivamente bassa. In questi casi non esiste un’alternativa, infatti è necessario procedere per vie legali, contattando un avvocato e intimando la comparsa dei rappresentanti dell’hotel davanti a un giudice.

rifiuto rimborso albergo
rifiuto rimborso albergo

Naturalmente si tratta dell’ultimo tentativo, da portare avanti soltanto se il danno è effettivamente comprovabile, evidente e la somma in gioco è abbastanza elevata. In caso contrario è preferibile insistere con l’albergo, portando all’attenzione dell’hotel ulteriori prove del disservizio, facendo notare che qualora la società si dovesse opporre al risarcimento si procederà per vie legali.

Recesso della prenotazione dell’albergo

In alcuni casi il rimborso dell’hotel è dovuto a cause di forza maggiore, come ad esempio una malattia improvvisa di uno degli ospiti, un infortunio grave o problemi di lavoro inaspettati. Il codice del turismo mostra come sia quasi impossibile ottenere un indennizzo in tali situazioni, poiché la disdetta e la mancata fruizione del servizio non sono attribuibili direttamente alla struttura.

Tuttavia è possibile perdere solamente l’anticipo versato, qualora nel contratto sia stato specificato che si tratta di una caparra penitenziaria, altrimenti verrà addebitato l’intero costo del soggiorno, più eventuali danni riscontrati dall’albergo. Ciò può succedere se l’hotel non riesce a rivendere la camera, oppure se deve applicare un costo particolarmente ridotto a causa delle tempistiche molto strette.

Per questo motivo è importante verificare le condizioni della prenotazione al momento della sottoscrizione, valutando il tipo di caparra richiesta, la possibilità di recedere dal servizio e la presenza o meno di commissioni di rivalsa. Spesso basta pagare un piccolo sovrapprezzo per dormire sonni tranquilli, perciò è bene prendere in considerazione tale costo, oppure in caso contrario si rischierà la perdita totale del prezzo dell’albergo.

Come tutelarsi per il rimborso dell’hotel

Oggigiorno molti portali di prenotazioni alberghiere, strutture ricettive e tour operator offrono clausole rescissorie piuttosto flessibili, che permettono di finalizzare l’acquisto delle camere con relativa tranquillità. Diverso è invece il discorso per i mesi di alta stagione, dove le politiche sui rimborsi degli alberghi sono decisamente più severe.

Ciò è dovuto all’elevato valore che tali periodi rappresentano per gli albergatori, perciò è sempre utile valutare la possibilità di attivare un’assicurazione di viaggio. Queste polizze sono abbastanza economiche, versatili e completamente personalizzabili, inoltre possono coprire sia il pernottamento che altri disservizi, legati ad esempio al ritardo del volo, lo smarrimento dei bagagli oppure problemi durante il trasporto.

assicurazione di viaggio rimborso
assicurazione di viaggio rimborso

Gli hotel sono tenuti a considerare le richieste di rimborso, come previsto dal codice del turismo e dalle normative di legge. Tuttavia la sicurezza migliore è prenotare con attenzione le strutture, optare per gli alberghi che offrono condizioni di recesso e risarcimento adeguate, accendendo una polizza assicurativa per i viaggi più costosi.

Leggi anche:

Condivi L'articolo

6 commenti su “Rimborso Hotel, come richiederlo”

  1. VENTIMIGLIA – Partono dalla Calabria e dopo un viaggio di quasi 1350 chilometri approdano a Ventimiglia per partecipare al Festival di Sanremo e giunti in hotel scoprono che non è stata riservata la camera prenotata addirittura dall’11 gennaio 2024.
    E’ la vicenda surreale accaduta nella serata del 6 febbraio c.a. all’inviato della nostra testata giornalistica che recatosi presso la reception dell’Hotel Provenza ubicato al n° 4 di via Cornelio Tacito, di proprietà della società Hotel Provenza srl si è visto rifiutare l’accesso.
    La cifra del corrispettivo pagata anticipatamente tramite bonifico quale caparra confirmatoria per la prenotazione dava esattamente nascita al contratto di natura giuridica che il Codice Civile Italiano indica quale somma di denaro o quantità di cose fungibili che una parte consegna all’altra al momento della stipulazione del contratto, come attestazione dell’impegno assunto contrattualmente.
    Nonostante le proteste e la mancanza della proposta di una soluzione accettabile il nostro inviato ha richiesto sul posto l’intervento dei Carabinieri del locale Comando di Ventimiglia. La loro presenza ha in qualche maniera stemperato gli animi e si è cercato di trovare una soluzione al problema nato per palese e inaccettabile comportamento fraudolento da parte della società alberghiera.
    Le somme pagate sono state trattenute sin dall’11 gennaio data del bonifico e nessuno ha mai comunicato all’amm.ne del nostro quotidiano la non disponibilità della camera nella quale si sarebbe dovuto ospitare il nostro inviato. Non è stata emessa lacuna fattura e qualcuno ha proposto un rimborso della somma versata. Soluzione che è stata categoricamente rifiutata. La nostra c.e. nella giornata di domani presenterà esposto presso l’Azienda di Soggiorno di Ventimiglia nei riguardi dei titolari dell’Hotel Provenza e denuncia penale per tutti i reati che l’autorità giudiziaria dovesse riscontrare nell’illecito comportamento, oltre ad un ulteriore segnalazione alla Guardia di Finanza vista la totale assenza di emissione di documentazione fiscale che avrebbero dovuto emettere entro il mese di gennaio 2023.
    La nobile città di Ventimiglia non merita di dover essere citata per il comportamento di quest’azienda alberghiera che con l’azione di questa sera ha nuociuto al buon nome di una località nota per il turismo nazionale e frontaliero. L’Hotel Provenza merita a nostro avviso, una ispezione da parte della Guardia di Finanza, un controllo da parte dei Vigili Urbani del comando cittadino e un severo controllo sulla agibilità dello stesso e alla licenza a suo tempo rilasciata dalle autorità comunali e prefettizie. Inoltre la locale Associazione del Turismo ha l’obbligo di intervenire e di verificare le modalità con le quali la struttura ricettiva agisce essendo il loro comportamento palesemente al di fuori di ogni regola giuridica ed economica. Da parte nostra la vicenda non si chiuderà con questo articolo e di certo non finirà qui.

  2. Prenotato tramite l hotel stesso, pagato tutto in anticipo e venendo in quell hotel mi sono trovato tutto tranne quello che avevano messo su vari siti o sulla descrizione, niente box doccia, niente TV, niente condizionatore e neanche ventole per l aria ma un semplice ventilatore…180 euro due notti per di più nessun mobile e neanche un frigorifero anzi più una scatola che frigorifero…truffa totale senza poter chiedere rimborso ne una stanza adeguata…serve un intervento per fermare queste truffe e rovinare la vacanza a noi viaggiatori.

  3. Vittoria Berger Reina

    salve. dieci giorni fa circa ho prenotato una vacanza all hotel tourist di cefalu’ in sicilia. nella mail per la contrattazione della vacanza mi è stato scritto che la cancellazione sarebbe stata gratuita fino a 5 giorni prima dell arrivo previsto per il 14 agosto 2023. effettuo il bonifico e due giorni dopo mio suocero sta male quindi decido di annullare la vacanza e comunicarlo subito. in prima battuta, al telefono mi dicono che non è prevista restituzione dei mie 990 euro versati, dopo aver inoltrato la loro mail, mi chiedono i dati di fatturazione e iban. non ricevendo alcun riscontro, un tale Marco, con cui mi sono interfacciata sia a mezzo mail che al telefono mi dice che se non sto zitta non mi restituirà più nulla. per cui intimorita non faccio nulla, ma ad oggi non ho ricevuto niente di niente, riscontro, restituzione di soldi… stamattina mio marito ha inviato una pec. vorrei segnalare la struttura e avere indicazioni su come procedere perchè trovo assurdo che debbano comportarsi così.
    grazie.

  4. Abbiamo prenotato tramite booking un soggiorno in una struttura alberghiera di Atene, al nostro arrivo siamo stati spostati in un immobile condominiale fuori dalla struttura. Ovviamente tutto non corrispondente con quanto visto su booking, datato, senza frigo bar, senza tende, la doccia dentro una vasca usurata e senza la possibilità di usare un doccione, senza bidet, fili elettrici a vista e sporco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parlano di noi

TERMINI E CONDIZIONI

Copyright © 2023 | Sos Viaggiatore |
Tutti i contenuti del portale sosviaggiatore.it
sono di proprietà della SOS RIMBORSO SRL
P.Iva 16689611008 Cap. Soc. € 10.000,00 i.v.