Vai al contenuto

Rimborso ritardo aereo: come fare, consigli e assistenza

Il 2023 ha segnato un cambio di rotta per l’industria aeronautica. Con la fine della pandemia, abbiamo assistito a un boom di viaggiatori ansiosi di tornare in volo. Ma la crescente domanda ha messo in luce le difficoltà delle compagnie aeree nell’adattarsi rapidamente.

1 Aumento dei Ritardi Aerei: Da un’analisi, emerge un incremento dei viaggiatori bloccati in aeroporto, spesso in attesa per ore. La riorganizzazione delle compagnie aeree, che hanno dovuto ridurre il personale durante la pandemia, non ha tenuto il passo con il ritmo frenetico di chi ha ripreso a volare;

2 Qual è la Compagnia Aerea Più Puntuale? Molti si chiedono quale sia la compagnia più affidabile in termini di puntualità. Purtroppo, mancano statistiche aggiornate post-pandemia. Un riferimento utile è OAG, che analizza lo stato dei voli e i ritardi, ma i suoi dati risalgono al 2020;

3 Danni e Compensazioni Un ritardo può comportare problemi sia per chi viaggia per lavoro sia per svago:

  • Viaggio d’affari: Un ritardo può causare perdite finanziarie o opportunità mancate. In caso di ritardi imputabili alla compagnia, potresti avere diritto non solo alla compensazione standard (da € 250 a € 600), ma anche a risarcimenti per danno emergente e lucro cessante.
  • Viaggio per svago: Con l’estate 2022 prevista come una delle più trafficate, i ritardi sono più probabili. Aeroporti come Napoli Capodichino, Roma Ciampino, Trieste, con sole due piste, sono particolarmente vulnerabili ai ritardi a cascata.

Se viaggi nel 2023, è essenziale conoscere i tuoi diritti in caso di ritardi. Mentre l’industria aeronautica si adatta a questa nuova era post-pandemica, come consumatori, dobbiamo essere proattivi nella tutela dei nostri interessi.

Ritardo voli: come si dimostra il danno?

Il viaggiatore non deve dimostrare il ritardo con delle prove, esistono in ogni caso alcuni siti affidabili dai quali su può vedere chiaramente che il volo è arrivato in ritardo come Flight Stats, ma deve solo avere il biglietto o titolo equipollente tipo prenotazione che attesta che lo stesso si sarebbe dovuto imbarcare su quel volo.

E’ onere della compagnia aerea dimostrare che il ritardo sia dovuto a causa a lei non imputabile.

Specifiche forme di tutela per i passeggeri in caso di ritardo prolungato del volo sono dettate dalla normativa comunitaria (Reg. 261/2004, art. 6).

Sono tutelati i viaggiatori che si imbarcano su:

Voli (di linea, charter, low cost) che partono da un aeroporto comunitario e i voli con destinazione un aeroporto comunitario, solo qualora la compagnia aerea sia comunitaria.

Non si applicano:

Ai voli in partenza da un Paese non comunitario con destinazione un Paese dell’UE operati da compagnie aeree non comunitarie.

Sono tutelati i viaggiatori che:

1 possiedono un biglietto aereo;

2 hanno una prenotazione confermata;

3 si presentano al check-in nei modi e nei tempi indicati dalla compagnia aerea.

La Corte di Giustizia Europea nel 2009 si è espressa sul risarcimento ai passeggeri in caso di prolungato ritardo del volo è stato stabilito, in analogia a quanto previsto per alcuni casi di cancellazione del volo, il diritto alla compensazione pecuniaria anche per i passeggeri che raggiungono la destinazione finale con un ritardo all’arrivo pari o superiore alle 3 ore rispetto all’orario di arrivo pubblicato.

Tale diritto, tuttavia, viene meno se la compagnia aerea dimostra che il ritardo prolungato si è verificato a causa di circostanze eccezionali, ad esempio avverse condizioni meteorologiche, improvvise ed imprevedibili carenze del volo dal punto di vista della sicurezza e scioperi.

Danni ulteriori al ritardo del volo

Il viaggiatore che ha subito ulteriori danni (morali, materiali o perdita di un giorno di lavoro) dovuti a causa del ritardo del volo è tenuto a dimostrarli.

Ma quali potrebbero essere gli ulteriori danni da dimostrare?

1 Mancata riprotezione su un altro volo in caso di ritardo prolungato;

2 Mancata assistenza (pasti, bevande e chiamate. Tali danni possono essere dimostrati semplicemente conservando gli scontrini.

Per i danni morali o per la perdita di giorni di lavoro dovuti al ritardo aereo?

Tutti gli ulteriori danni che esulano la compensazione pecuniaria dovuti al ritardo aereo devono essere dimostrati dal viaggiatore attraverso prova testimoniale o documentale.

Se hai subito un ritardo aereo puoi rivolgerti ai nostri esperti legali i quali non si limiteranno a chiedere solo la compensazione alla compagnia aerea, ma attraverso un’analisi minuziosa caso per caso riusciremo a farti avere tutti i danni morali e materiali dovuti a causa del ritardo del volo.

Il nostro servizio è GRATUITO perché la compagnia aerea pagherà anche gli onorari al legale che agirà per tuo conto.

Rimborsi per ritardo aereo: quanto si può richiedere

Se ti è capitato di essere andato in aeroporto e il tuo volo è in ritardo non allarmarti l’aeromobile non è come il treno che riporta il ritardo dell’andata sulla destinazione finale ma può recuperare in volo specialmente sulle tratte più lunghe il ritardo che aveva alla partenza.

Mentre se il volo sul quale dovevi partire ha subito un ritardo calcolato in relazione all’aeroporto di destinazione finale di 3 ore o più hai diritto a richiedere alla compagnia aerea la compensazione pecuniaria che è identica alla compensazione che puoi chiedere per  i rimborsi per volo cancellato.

Tale compensazione può essere:

250 € per le tratte inferiori o pari a 1.500 km
400 € per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km
600 € per le tratte superiori ai 3.500 km

L’indennizzo per volo in ritardo può essere ridotto del 50% in caso di ritardo compreso tra le 3 e le 4 ore ma solo se la compagnia aerea propone tale offerta in tempi celeri e stragiudizialmente.

Puoi ottenere il rimborso per volo in ritardo anche se hai prenotato un volo low cost e volo charter!

Ma attenzione: i voli charter spesso sono operati da compagnie che non hanno sede legale in Italia, quindi risulta davvero difficile richiedere il rimborso. Preferisci i voli di compagnie aeree di bandiera, in alternativa puoi anche scegliere una compagnia low cost “nota”.

Limitati a prenotare i voli charter solo attraverso un’agenzia di viaggi o un tour operator che abbia sede legale in Italia cosi in caso di: cancellazione, ritardo o altri problemi con il volo sarà l’agenzia viaggi o il tour operator a doverti corrispondere la compensazione pecuniaria oltre all’ulteriore danno subito se da te dimostrato.

La compagnia aerea è esclusa dall’obbligo di corrispondere la compensazione pecuniaria se prova che il ritardo è escluso dal suo controllo. In ogni caso la stessa ha l’obbligo di assistere il passeggero con chiamate, pasti, bevande e nel caso di ritardo prolungato anche alloggio.

Ma cosa si intende per tratta aerea?

La tratta aerea è la distanza o la rotta ortodromica o meglio, il tragitto più breve percorribile da un aeromobile da un aeroporto e un altro. Comunque non preoccuparti a chiedere la compensazione pecuniaria per tuo conto in modo completamente gratuito ci pensiamo noi di Sos Viaggiatore, sarà la compagnia aerea che ti ha negato il rimborso dovuto per legge a dover corrispondere anche le spese legali ai nostri avvocati che hanno seguito la tua pratica.

Compila il nostro semplice Format Protetto, per richiedere il rimborso per volo in ritardo.

Inserisci i dettagli del tuo volo e inviaci la richiesta i nostri consulenti (esseri umani e non robot) analizzeranno la tua richiesta e una volta appurati i presupposti per la richiesta di rimborso ti invieranno una mail di fattibilità della pratica con un link attraverso il quale potrai seguire in tempo reale direttamente sul nostro sito lo stato di avanzamento della pratica affidataci.

In pratica a prescindere da quanto hai pagato il tuo biglietto aereo avrai diritto ai soldi previsti dal regolamento europeo se il tuo volo fa ritardo. Fare richiesta per il risarcimento di un volo che ritarda l’atterraggio sulla pista per più di 3 ore conviene in ogni caso, infatti tu non dovrai fare nulla dopo aver inviato la documentazione sul nostro format protetto.

Rimborsi per voli in ritardo e compensazione pecuniaria

La compagnia aerea che non si ritiene responsabile del ritardo del volo deve necessariamente provare che il ritardo sia dovuto a causa a lui non imputabile ovvero:

  • Forza maggiore
  • Sciopero
  • Bird strike
  • Eventi atmosferici che non consentono al vettore di volare

Se il vettore, non contestata la versione dei fatti fornita dal viaggiatore, o lo fa con prove inattendibili, confuse, contraddittorie, talvolta riportate in lingua straniera, o attraverso schermate di siti web e comunque non provenienti da fonti ufficiali, deve ritenersi responsabile del ritardo del volo.

Infatti il viaggiatore, che si deve limitare solo ad allegare il biglietto aereo o la prenotazione.

La compagnia aerea è tenuta a produrre prove attendibili e rilevanti che dimostrino che il ritardo sia dovuto a causa a lei non imputabile.

Se la compagnia aerea, come fa spesso, si presenta in giudizio contestando il ritardo del volo attraverso del materiale probatorio che si riferisce addirittura a mesi diversi, è tenuta per legge a corrispondere il rimborso al viaggiatore.

Non basta, peraltro, la prova generica dell’uso della normale diligenza, secondo il criterio di valutazione, ma occorre la specifica indicazione delle misure concrete adottate e l’individuazione della causa che ha provocato il danno, con la conseguenza che rimangono a carico del vettore i danni da causa ignota.

Se le prove spesso allegate dalla compagnia aerea della causa mal tempo non sono chiare e tangibili, o meglio la causa di forza maggiore si verifica quando energie esterne alla volontà umana rendono una determinata condotta inesigibile; tuttavia, al fine dell’esenzione di responsabilità, deve trattarsi di circostanze esterne impreviste ed imprevedibili dalla compagnia aerea.

Solo in presenza di circostanze impreviste ed imprevedibili può escludersi la responsabilità

Se il maltempo era circostanza assolutamente prevedibile, posto che, come detto, il vettore è notoriamente dotato, in quanto operatore economico professionale, di tutte le risorse idonee a verificare con larghissimo anticipo le condizioni metereologiche in cui potrebbe trovarsi ad operare.

Nel caso in cui dovesse mancare, in estrema sintesi, l’imprevedibilità dell’energia naturale esterna e non dominabile dall’uomo, in quanto parte convenuta avrebbe potuto, usando un livello minimo di diligenza, riscontrare condizioni avverse e conseguentemente avvisare per tempo il consumatore, o quantomeno predisporre tutte quelle misure che avrebbero reso l’attesa quantomeno più umana.

La compagnia aerea quindi, per declinare ogni responsabilità in ordine al ritardo del volo, non può limitarsi ad un generico riferimento al maltempo e/o alle condizioni meteorologiche, allegando altresì documentazione inattendibile, ma è tenuta a specificare e dettagliare i particolari e specifici impedimenti oggettivi alla praticabilità del volo in presenza di quelle condizioni atmosferiche, non superabili con adeguate misure organizzative.

Quindi nel caso in cui la compagnia aerea si renda responsabile di un ritardo del volo deve corrispondere:

1 la compensazione pecuniaria, prevista dall’art. 7 Regolamento Ce n. 261/04, fino a un massimo di 600 euro;

2 un risarcimento supplementare, come definita dalla Corte di Giustizia europea, se provato dal viaggiatore;

3 il danno morale, se ravvisato dal giudice incluso quello di natura morale, occasionato dall’inadempimento del contratto di trasporto aereo;

4 il rimborso delle spese che i viaggiatori hanno dovuto sostenere a causa dell’inadempimento da parte del vettore.

Quindi nel caso di ritardo del volo è risarcibile il danno non patrimoniale cagionato al viaggiatore.

Ovviamente il danno non patrimoniale può ritenersi dimostrato, se emerge dalla prova testimoniale lo stato di grande agitazione e difficoltà cui ha dovuto far fronte il viaggiatore, anche nei giorni successivi alla disastrosa avventura.

Né può essere posto in dubbio il danno derivato all’attore dalla necessità di riorganizzare i suoi rapporti personali e professionali in conseguenza del suo ritardato rientro nella sua sede di residenza e di lavoro e la preclusione e lo svolgimento delle sue abituali attività personali e professionali.

Se il danno ha inciso direttamente nella sfera relazionale dell’interessato, il giudice può riconoscere anche il danno esistenziale, per distinguerlo da quello patrimoniale, biologico e morale.

Le cause per cui chi è vittima di un ritardo aereo non ottiene il massimo risarcimento volo possibile, sono varie:

  • pigrizia: chi attende un aereo in ritardo per più di 3 ore crede che ricevere un compenso in denaro sia molto complicato e necessiti tempi tecnici lunghissimi, soprattutto in Italia. Compilare una domanda di reclamo ritardo aereo e quindi di recupero credito, relativamente al ritardo di un aereo di linea, è un’operazione complessa che porta via molto tempo. Per questo motivo è consigliato affidarsi a un team di professionisti del settore;
  • mancata informazione: il passeggero che aspetta invano il suo volo in ritardo è molto arrabbiato in quel momento, ma nella convinzione di doversi scontrare con una compagnia aerea internazionale, si scoraggia presto e desiste dall’idea di poter agire per ottenere la compensazione monetaria;
  • errata convinzione: tutti i biglietti aerei sono rimborsabili, compresi quelli delle compagnie low cost. Spesso si è convinti che scegliendo compagnie low cost, che offrono biglietti a prezzi stracciati, come Ryanair e Vueling, non si abbia diritto all’indennizzo volo per disagi legati a ritardo aereo.

Inoltre va chiarito, una volta per tutte che “il risarcimento per ritardo aereo non corrisponde al prezzo di acquisto di un biglietto”.

Gli aeroporti più frequentati come Roma Fiumicino o Milano Malpensa continuano a registrare picchi di crescita per ritardi aerei.
Parliamo di milioni di euro di risarcimenti voli potenziali, che restano tali a causa di scarsa informazione da parte delle Agenzie di Viaggi o di mancanza di assistenza offerta dalle compagnie aeree.

Rimborso per voli in ritardo: come ottenerlo

Affrontare un volo in ritardo può essere frustrante, ma sapere che esiste la possibilità di ottenere un rimborso o un risarcimento può alleviare il disagio. Grazie a servizi come SosViaggiatore.it, richiedere e ottenere ciò che ti spetta diventa molto più semplice.

Risarcimento ritardo aereo: il diritto c'è con alcune ore di ritardo

Se il tuo volo subisce un ritardo di tre ore o più, potresti avere diritto a un risarcimento finanziario. Questo varia da 250 a 600 euro, a seconda della distanza del volo e del tipo di ritardo. Con l’assistenza di SosViaggiatore.it, puoi facilmente verificare la tua eleggibilità al risarcimento e avviare la pratica senza stress.

Volo in ritardo rimborso: cosa dice la Corte di Giustizia Europea

La Corte di Giustizia Europea ha stabilito che i passeggeri hanno diritto a un risarcimento per ritardi significativi, rinforzando la tutela dei diritti dei viaggiatori aerei. SosViaggiatore.it ti aiuta a navigare attraverso queste leggi, garantendo che ogni passo verso il tuo risarcimento sia conforme alle più recenti interpretazioni legali.

Cosa fare per ottenere un rimborso per ritardo aereo

Il primo passo è documentare il ritardo e qualsiasi comunicazione con la compagnia aerea. Successivamente, contattare un servizio specializzato come SosViaggiatore.it può semplificare enormemente il processo. Gli esperti di SosViaggiatore.it gestiranno la tua pratica dal principio alla fine, occupandosi di tutte le necessità burocratiche e legali.

Rimborso ritardo aereo: quali documenti servono

Per procedere con una richiesta di risarcimento, avrai bisogno del biglietto aereo, della conferma di prenotazione, e di qualsiasi comunicazione con la compagnia aerea riguardante il ritardo. SosViaggiatore.it ti guiderà attraverso il processo di raccolta dei documenti necessari, assicurando che la tua richiesta sia completa e pronta per essere presentata.

Sfrutta l’esperienza e la professionalità di SosViaggiatore.it per assicurarti che i tuoi diritti come passeggero siano pienamente rispettati. Con il loro supporto, ottenere il rimborso per un volo in ritardo non è mai stato così semplice.

Condivi L'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parlano di noi

TERMINI E CONDIZIONI

logo Sos Viaggiatore

Copyright © 2023 | Sos Viaggiatore |
Tutti i contenuti del portale sosviaggiatore.it
sono di proprietà della SOS RIMBORSO SRL
P.Iva 16689611008 Cap. Soc. € 10.000,00 i.v.

logo-northon